Dichiariamo guerra al colesterolo

Il COLESTEROLO E’ UN NEMICO SILENZIOSO E VA COMBATTUTO CON UNA SANA ALIMENTAZIONE

I DANNI DEL COLESTEROLO:

Il colesterolo nel circolo sanguigno tende a  depositarsi progressivamente sulle pareti delle arterie, formando delle placche  che mano a mano provocano una strozzatura di queste ovvero il restringimento delle arterie stesse.

Accade quindi che la circolazione sanguigna va a ridursi e tende a raggiungere i vasi con difficoltà.

Su queste placche di colesterolo, inoltre, si depositano anche le piastrine. Ciò comporta la  con formazione di coaguli, fino al completo arresto del flusso sanguigno, o fino al distaccamento di questi che possono provocare Ictus e arresti con necrosi e morte dei tessuti.

Il colesterolo è un nemico “silenzioso” in quanto non provoca, o non fa riconoscere, i p sintomi di una malattia vera e propria che progressivamente mette in pericolo la vita dell’individuo.

Infatti la malattia non si avverte per lungo tempo, fino a quando i danni sono fatti.

Pertanto è essenziale LA PREVENZIONE che consiste in controlli sul sangue (soprattutto se in famiglia ci sono stati altri casi di ipercolesterolemia) ed in una sana alimentazione che il Vostro nutrizionista potrà consigliarvi.

Gli organi che maggiormente risentono di una non sufficiente circolazione sanguigna, tipica dell’aterosclerosi, sono:

  • Cuore: la carente irrorazione sanguigna del cuore si può manifestare con dolore persistente al centro del petto (angina pectoris) o con dolore acuto che si propaga al collo, alla spalla e al braccio sinistro (infarto del miocardio);
  • Cervello: si può manifestare con paralisi più o meno estese al viso e agli arti, con difficoltà nel linguaggio o con vertigini;
  • Gambe e braccia: si manifesta generalmente con crampi dolorosi ai muscoli del polpaccio e/o della coscia anche senza eseguire particolari sforzi;
  • Reni: si manifesta fondamentalmente con ipertensione

i danni del colesterolo

pertanto, soprattutto dopo i 40 anni, fate attenzione, controllatevi, evitate troppi grassi e se siete in difficoltà rivolgetevi al vostro medico ed al vostro nutrizionista